A partire da € 2.100,00

VEDI DETTAGLI PREZZI & HOTELS dettagli prezzi/hotels

 

Lo splendore del Nord-Est
14 Giorni

ITINERARIO: CALCUTTA – SUNDERBANS NATIONAL PARK – DARJEELING – PEMAYANGTSE – GANGKOT – KALIMPONG – DELHI
ESTENSIONE FACOLTATIVA JALDAPARA NATIONAL PARK (+ 2 NOTTI)

 

CALCUTTA

1° Giorno: Arrivo in aeroporto di prima mattina, incontro con gli assistenti e trasferimento in hotel, non appena rinfrescati visita della città. Calutta, umanità senza veli, distillato dell’esistenza umana ancor prima che indiana, è la “Città della Gioia” e della disperazione, è la terra della misericordia dove Madre Teresa pervade l’aria, ma anche capitale della cultura e delle arti, ricchissima ma anche poverissima, nobile e disperata, modaiola così come squallida ….. Capitale dell’impero britannico (British Raj) dal XVIII Secolo all’inizio del XIX è idealmente divisa in due: la città degli inglesi e la città degli indiani. La prima si svolge attorno al famoso Maidan, un tempo area ricoperta di fitta jungla (abbattuta per far posto ai cannoni degli inglesi atti al controllo dell’area) è ora un grande giardino con fontane e laghetti con al centro l’imponente Fort William (1696). Il più imponente edificio della zona è il Victoria Memorial, eretto in onore della regina madre (ma oggi simbolo della città), è interamente costruito in marmo bianco e fonde lo stile architettonico rinascimentale europeo allo stile Moghul. Nei pressi l’affollata Chowringhee Road ed i suoi bazaar multicolori fino a raggiungere il quartiere BBD Bagh, dal nome dei 3 ribelli (Benoy, Badal, Dinesh) fatti giustiziare dal governatore inglese. E’ questo il centro economico ed amministrativo della moderna Kolkota (da non perdere il “writer’s building” in mattoni rossi, antica sede della Compagnia delle Indie Orientali). Affascinante è osservare il brulicante via vai sull’imponente ponte Haora Bridge. La città indiana trova il suo cuore nel quartiere di bara Bazaar che custodisce antiche abitazioni dei ricchi mercanti ma anche edifici europei, edificati prima della colonizzazione inglese. Poco più a nord della grande moschea del venerdì (Nakhoda Masjid, capace di ospitare fino a 10.000 fedeli) si trova il sontuoso Marble Palace in marmo, costruito nel 1837 ed ex residenza del maharaja Malik Bahadur, con la sua incredibile mescolanza di stili architettonici ed arredi di epoche e provenienze diverse. La casa del più grande poeta indiano, il Nobel Rabindranath Tagore, si trova nella stessa area così come alcuni interessanti templi jainisti. Le visite ci portano presso il più importante tempio della città dedicato a Dea Kali, comunemente chiamato Kaligath, da cui deriva il nome della città. E’ questo uno dei luoghi più sacri dell’India per i seguaci della dea Kali, che qui è rappresentata nella sua forma terrifica. Nelle vicinanze sorge il Nirmala Hriday, casa per i poveri moribondi fondata nel 1952 da Madre Teresa, che accoglie i malati e diseredati che vivono vicino al tempio di Kali. Pernottamento in hotel.

SUNDERSBANS NATIONAL PARK.

2° Giorno: Partenza, dopo colazione, alla volta del Parco Nazionale Sundersbans, Patrimonio dell'Umanità Unesco e casa della più grande popolazione di Tigri (del Bengala, appunto) esistente al mondo. Nei 60 km (2 ore di auto) che ci separano dal parco percorriamo anni luce: dalla "pancia" dell'umanità al "cuore della natura". Il Parco ricopre una parte del più grande delta esistente al mondo: il fiume Meghna si unisce ai due fiumi più sacri Gange e Brahmapurta, a formare un labirintico sistema di canali, isole di mangrovie (cioè "sundri", che significa "albero elegante"; da qui il nome del Parco), jungla laghi e paludi. All'arrivo siete attesi dalla barca che vi porterà a scoprire il meraviglioso ecosistema del parco, illustrato dalla vostra guida naturalistica. Due ore di crociera fino a ragghiungere il Sundersbans Jungle Camp sull'Isolotto di Bali. Dopo un buon pasto ed un po' di riposo nel vostro cottage visita al "Mangrovie Interpretation Center"; prima del rientro al campo sosta ad una delle torri d'osservazione (a Sudhyanakhali, villaggio di pescatori e tappa fondamentale) per l'avvistamento delle tigri e degli animali in natura. Potrete cenare a scelta sulla vostra imbarcazione o al ristorante del Campo. Pernottamento al campo.

SUNDERSBANS NATIONAL PARK

3° Giorno: Oggi perlustreremo in barca il comprensorio del parco: dopo prima colazione raggiungeremo Dobanki attraverso un sentiero (protetto da un'altra recinzione) fino a raggiungere la torre d'osservazione a Netidhopani, da cui è possibile osservare (con un po' di fortuna) le tigri fare il bagno. In barca aguzzate la vista: il coccodrillo d'Estuario, tra i più grandi ed aggressivi esistenti, abita queste acque salmastre ma anche l'elusivo delfino Irrawady, specie in grave rischio d'estinzione. Pranzo a bordo. Uno spettacolare tramonto vi farà compagnia navigando verso un locale villaggio dove poter assistere ad una pantomima che narra le gesta della Dea Bonobibi. Rientro al campo. Cena e pernottamento.

CALCUTTA.

4° Giorno: Dopo prima colazione visita dell'isola di Bali dove osservare gli abitanti intenti nelle attività quotidiane e costruzione di barche. I locali chiamano i villaggi del parco e quelli circostanti "villaggi delle vedove", a causa dei numerosi pescatori uccisi dagli attacchi delle tigri. Attualmente la pesca è proibita ma viene ancora praticata lungo alcuni canali: i pescatori devono obbligatoriamente indossare sulla nuca una maschera con un volto umano disegnato, per ingannare le tigri che solitamente attaccano alle spalle. Una breve crociera lungo gli stretti e tortuosi canali completa questa memorabile esperienza. Dopo pranzo partenza alla volta di Calcutta. Prima del check-in in hotel vista del Tempio Belur Math, sede della Ramakrishna Mission (movimento religioso fondato nel 1899 su ispirazione del filosofo indiano Ramakrishna): è al tempo stesso un tempio indù, una moschea ed una chiesa, a seconda del punto d'osservazione e rappresenta l'idea fondante della filosofia di Ramakrishna, basata sull'unione di tutte le religioni. Pernottamento.

DARJEELING.

5° Giorno: Prima colazione e trasferimento in aeroporto in tempo utile per il volo Calcutta – Bagdogra, porta d'ingresso alle vaste piantagioni di tea alle pendici dell'Himalaya. Incontro con gli assistenti in aeroporto e trasferimento in auto a Darjeeling (85 Km / 5 h. circa). Un'appassionante alternativa al viaggio in auto consiste nel "TOY TRAIN", ferrovia costruita a fine '800 dagli inglesi ed oggi dichiarata Patrimonio dell'Umanità Unesco. L'antico trenino che la precorre sbuffa arrampicandosi fino a 2.200 mt di quota attraverso la tortuosa strada ferrata lungo un tragitto di circa 7 ore, attraversando vallate, centinaia di ponti e remoti villaggi fermi nel tempo. Non proponiamo ad oggi questa soluzione in quanto gli attuali operativi volo Calcutta/Bagdogra non consentono la coincidenza (Toy Train parte da Bagdogra alle h. 09:00 del mattino) e Bagdogra non è così interessante da trascorrervi un'intero giorno. Darjeeling, è un luogo magico annidiato tra le pendici del Khangchendzonga (8.598 mt. slm) e dell'Everest (8.848 mt. slm) confinante con Nepal, Tibet e Bhutan. Quando riuscirete a distogliere lo sguardo dal "Tetto del Mondo" potrete visitare gli splendidi monasteri tibetani ed osservare lo scorrere della vita tribale Himalayana. Sistemazione in hotel. Pernottamento.

DARJEELING – TIGER HILL – DARJEELING.

6° Giorno: Sveglia alle 03:30 del mattino (!!!) ed 1 ora e 20 minuti di auto per raggiungere "Tiger Hill" dove ammirerete sorgere l'alba sullo struggente paesaggio che abbraccia 250 km di catena Himalayana (dall'Everest al Lhotse, dal Khangchendzonga al Makalu). Rientrando a Darjeeling sosta presso Ghoom dove si trovano affascinanti Gompa, monasteri buddisti, tra cui spicca lo Yiga Cholin Gompa con meravigliosi affreschi (ospita una piccola comunità di monaci della setta Gelugpa, i cosiddetti "berretti gialli") e la statua del "Jampa" (Budda del futuro) alta 5 metri. Arrivo in hotel per la prima colazione. Le visite riprendono con il Centro per i Rifugiati Tibetani, l'istituto dedicato allo studio della catena Himalayana ed il parco zoologico Padmaja Naidu. Questo zoo, uno dei migliori d'India, ospita interessantissime specie himalayane ed è creato in un ambiente roccioso e boscoso. Potrete osservare il moschide (cervo himalayano), il lupo tibetano ed il panda rosso. Lo zoo, insieme all'attiguo allevamento di leopardi delle nevi, ospitano la più grande colonia di questi animali esistente al mondo. Nel pomeriggio visita alla Happy Valley Tea Estate, piantagione di tea dove vengono raccolti i "first flush" ovvero i primi germogli che nascono dopo l'inverno. E' una varietà pregiatissima ed esportata all'80%. Rientro a Darjeeling e visita del bazaar. Pernottamento in hotel.

PEMAYANGTSA

7° Giorno: Prima colazione e partenza per Pemayangtse (5 ore in auto), all'arrivo sistemazione in hotel, segue la visita dell'importante Monastero Buddista Pemayangtse, il secondo più antico monastero del Sikkim (XVII Secolo). E' stato edificato per ospitare il lignaggio monastico Nyingma. I monaci di questo monastero sono gli unici ad avere il titolo di "ta-tshang", il Lama a capo era l'unico a poret benedire i sovrani del Sikkim con l'acqua sacra. Il nome del monastero significa "perfetto lotus sublime" e rappresenta uno dei quattro chakra del corpo umano. Affascinanti le statue che ospita e meraviglioso il panorama delle vette himalayane da questo mistico luogo, meta di pellegrinaggio dei fedeli buddisti (siamo a soli 30 km. in linea d'aria dalla vetta del Kanchenjunga!) . Pernottamento in hotel.

GANGTOK.

8° Giorno: Prima colazione e partenza per Gangtok, la capitale del Sikkim. Lungo il tragitto sosta per la visita del Monastero Bonpa, la religione prevalente in Tibet prima dell'avvento del buddismo. Gangtok significa "cima della collina" e si trova lungo le rive del fiume Ranipul, a 1.770 mt. di quota. Sede dell'Orchid Festival (la maggiore fiera di orchidee di tutta l'Asia) è ricca di giardini, circondata dalle vette himalayane e rappresenta il centro della cultura buddista tibetana di tutta la regione. All'arrivo sistemazione in hotel. Pernottameto.

GANGTOK – RUMTEK – GANGTOK.

9° Giorno: Dopo colazione gita al Monastero Rumtek (1 ora di auto per percorrere 25 km.), uno dei più importanti di tutto il Sikkim. L'edificio principale è stato costruito nel 1981 ed al suo interno si trova l'imponente statua dorata di budda. E' un importante centro studi della filosofia buddista. Segue la visita del centro di tibetologia e dell'annesso museo. Rientrati a Gangtok visita della principale attrattiva della città: immerso in un bosco di conifere il monastero di Enchey (Enchey Gompa) conserva bei dipinti murari e stetue di divinità tantriche. Il direttore del Gompa era noto per la sua capacità di levitazione. Pernottamento in hotel.

KALIMPONG.

10° Giorno: Gangtok - Phodong Gunpa - Kalimpong. Prima colazione e partenza alla volta di Kalimpong. Lungo il tragitto sosta al Phodong Gunpa, monastero edificato nel XVIII Secolo in cui vivono 70 monaci. Molto interessanti i dipinti murali dei Karmapa, di Padmasambawa e del protettore Mahakala. Arrivo a Kalimpong, sistemazione in hotel. Pernottamento.

KALIMPONG

11° Giorno: Visita della città che sorge al centro di rigogliose coltivazioni di cardamomo, zenzero, gladioli ed orchidee. Visita dell'Orchid and Cactus Sanctuary, dei monasteri buddisti apparteneti alla setta dei cappelli rossi tra cui Thongsa Gompa, il più antico di tutta la regione (1692), e della "casa del Dr. Graham", orfanotrofio costruito nel 1900 (e tutt'ora in funzione) dal missionario scozzese di cui è possibile visitare il piccolo museo. Pernottamento in hotel.

KALIMPONG – BAGDOGRA – DELHI

12° Giorno: Prima colazione in hotel e partenza per l'aeroporto di Bagdora, segue volo per Delhi. All'arrivo incontro con il vostro assistente e trasferimento in hotel. Pernottamento.

DELHI

13° Giorno: Giornata dedicata alla visita della città che comprende: Tempio Laxmi Narayan, India Gate, Parlamento, Jama Masjid (la più grande moschea d'Asia), il Forte Rosso, il Ghandi Memorial oltre al complesso Qutab Minar e la tomba dell'Imperatore Moghul Humayun. Pernottamento in hotel.

DELHI

14° Giorno: Trasferimento in hotel e partenza per l'Italia.

 

 

 

I Rinoceronti di Jadalpara Wildlife Sanctuary
Estensione facoltativa
(chiuso dal 15/06 al 15/09).

KALIMPONG – JALDAPARA NATIONAL PARK

12° Giorno: Partenza di prima mattina alla volta del Parco Nazionale di Jadalpara (170 km/ 5 h. circa). Nel Parco, che si estende su circa 220 kmq in una vegetazione lussureggiante e foreste tagliate dal fiume Torsa, è possibile ammirare gli unici rinoceronti unicorno dell'India; tigri, leopardi, elefanti, bisonti, cervi ed una ricchissima avifauna arricchiscono la popolazione del parco dotato di torri per l'avvistamento della fantastica vita selvaggia del santuario naturale. Sistemazione in hotel. Nel pomeriggio visita al centro di riabilitazione dei leopardi Khoerbari. Pernottamento in hotel.

JADALPARA NATIONAL PARK

13° Giorno: Safari all'alba a dorso d'elefante. Rientro in hotel per la prima colazione. Segue escursione al piccolo villaggio di Jayanti, sulle sponde dell'omonimo fiume ed immerso nella foresta; lungo il tragitto visita del Rajabhatkhawa Nature Interpretation Centre. Dopo pranzo safari nel Buxa Tiger Reserve (la seconda più grande del West Bengala) e Pukhri Hills. Pernottamento in hotel.

JADALPARA – BAGDOGRA – DELHI

14° Giorno: Jeep safari nel Parco all'alba. Rientro in hotel per la prima colazione. Segue partenza per l'aeroporto di Bagdora (137 km/ 4 h. cira) e volo per Delhi. All'arrivo incontro con il vostro assistente e trasferimento in hotel. Pernottamento.

15° GIORNO: VEDI PROGRAMMA DEL 13°- 14° GIORNO

A PARTIRE DA € 2.100,00
VEDI DETTAGLI PREZZI & HOTELS dettagli prezzi/hotels